Bugo Ermal Meta - Mi manca

RLV - la radio a colori Radio Levanto Val di Vara pubblicità radiofonica locale studio registrazione Cinque Terre La Spezia Bugo Ermal Meta - Mi manca

Bugo Ermal Meta - Mi manca

Da veri umanoidi contro il prolasso mediatico e algocratico, non potevamo certo esimerci dal parlare di un autore controverso, oltre che un caso sanremese, co-protagonista di uno dei featuring dell’anno, punta doppia di un caso mediatico che ha monopolizzato non poco le discussioni della tavola italiana.

No. Macché con Morgan. Di quello ne hanno già parlato altrove. Parliamo qui del featuring di Bugo con un altro paladino del social popolare: Ermal Meta (ancora difficile non appiccicarci una L in fondo, ma vabbè, sarà una nostra deformazione musicofila) che, effettivamente, riesce a conquistarsi un posto tra le migliori canzoni pop italiane che ci è capitato di sentire ultimamente.

Mi manca è in effetti tutto quello che un pezzo della cosiddetta canzone all’italiana dovrebbe riuscire a dire. Certo, ci sono tutti i tropi, i canoni, gli standard, le mode dell’eterno trenta/quarantenne invece che del giovane scapestrato criminale gangsta-oriented, quel sentore indie da cantautorato interscambiabile. Non manca la copertina del disco che deve per forza essere brutta e con la parallela triste moda delle caviglie di fuori. C’è pure chi dice si tratti della commedia e della commercializzazione di un artista che una volta faceva garage-rock e suonava per davvero. Tutto questo, ci mancherebbe. Ma si può fare comunque una bella canzone per tutti, no?

Ed è proprio questo il caso, che va ad arricchire il buon risultato di un album – l’omonimo Cristian Bugatti, uscito il 7 febbraio per Mescal – che riesce a sfornare dei pezzi mica male, conditi anche da qualche arrangiamento che esula dal solito giro à la Battisti e dal pattern alla Calcutta. E sì, anche dalla posa intellettualoide di certi Baustelle e da quelle immagini da Negrita, quelli di Ho imparato a sognare. Senza risparmiarci tutta quella nostalgia per le varie figurine, il pallone che vola, le biciclette della nonna e quant’altro.

Mi manca, infatti, funziona ottimamente proprio all’interno di questo panorama. E anche il suono plasticoso di certe tastiere a mo’ di clavicembalo, al posto che provocare orticaria, riesce a far ricordare piacevolmente i vecchi fasti della canzone italiana.

Senza stravolgere nulla – se non per le polemiche sanremesi con l’ex amico risentito – il ragazzo acqua e sapone, classe ‘73, nato Rho ma novarese d’adozione, cresciuto con Vasco Rossi e San Siro a qualche chilometro più in là, tutto sommato, oggi, potrebbe davvero rappresentare il meglio della canzone italiana.

 

Testo


Avevo voglia di parlare con te
Non so nemmeno per dirti cosa
Delle porte fatte con le magliette
O di Sergio che non si sposa
Avevo voglia di giocare con te
A chi sputa più lontano
Rompere i vetri delle fabbriche
Farci sgridare da qualcuno
Ah, che noia essere grandi
Andare ai compleanni
Parlare di soldi e dei figli degli altri
Ah, è tardi e devo già andare
E mi manca aspettare l'estate
Comprare le caramelle colorate
E mi manca la strada in due in bici
Mi manco io, mi manchi tu
E mi manca una bella canzone
Pagare qualcosa con le figurine
E mi manca la biro tra i denti
Mi manco io, mi manchi tu
Ti manco io, e ti manchi tu
Avevo voglia di parlare con te
Te lo ricordi il tuo primo pallone
Finiva sotto le macchine
Però col vento sapeva volare
Lo sai che voglia di giocare…
 


Stampa  Segnala ad un amico